YOCABE-GUIDA MAMME Il portale delle mamme multitasking

Inserimento al nido: come facilitare il distacco da mamma e papà

Cari amici di Yocabe,

ricordo ancora benissimo il primo giorno di nido della mia piccola con emozione e con un sorriso sulle labbra. La mia baby girl di un anno giocava ed esplorava serenamente l’ambiente del nido, ascoltava le fiabe delle educatrici mentre io giocavo con lei e la sorvegliavo a distanza. I primi giorni però non sono stati solo rose e fiori: confesso che non ho potuto fermare me stessa quando un bimbo più grande le ha dato un giocattolo in testa e lei ha iniziato a piangere disperata venendo da me. Dopo il mio abbraccio consolatorio, le pesti hanno ricominciato a giocare ma quello è stato il momento in cui ho capito che per lei (e per me!) si apriva un nuovo importante capitolo della sua vita. Io, dopo i primi giorni di inserimento al nido, non ci sarei più stata e lei avrebbe iniziato ad imparare tanto, a giocare, a divertirsi, ma anche ad arrabbiarsi e a litigare con altri bambini sotto l’occhio vigile e attento delle educatrici.

Nido

Il primo consiglio che sento di dare per affrontare al meglio il distacco è di essere sereni: se il piccolo vede che il genitore vive il momento di distacco con tranquillità e lo saluta con un sorriso, senza fuggire di nascosto, il bimbo capirà che non lo state abbandonando ma affidando alle cure delle educatrici.

Lasciate che il bambino porti al nido con sè un oggetto transizionale: è una difesa contro l’ansia che prende il posto del legame madre-figlio. Può trattarsi di una bambola, un orsacchiotto o una copertina.

oggetto transizionale

Un altro consiglio che sento di dare in base alla mia esperienza, è quello di spiegare sempre e anticipare quello che avverrà dopo. Dire al bambino che la mamma, il papà, il nonno o la baby sitter andranno a prenderlo dopo la giornata di nido, spiegargli che giocherà tanto con gli altri bambini mentre la mamma è al lavoro ecc lo aiuterà a vivere meglio il momento del distacco.

bambini al nido

Quando la fase dell’inserimento sarà superata vedrete che il piccolo, così come è successo a mia figlia, non vorrà più venire a casa! Il nido rappresenterà l’ambiente sicuro, dove si costruiscono le prime relazioni sociali, si imparano i valori dello scambio e la fiducia nelle altre figure di riferimento.

, , , , , , ,

Trackbacks/Pingbacks

  1. Giornata internazionale dei diritti dell'infanzia e dell’adolescenza - Tutto per mamme su moda, tempo libero, viaggi, servizi e molto altro - 19 novembre 2014

    […] lei è molto fortunata ad avere amore e cure quotidiane, una casa, cibo,giocattoli, vestiti e il diritto all’educazione e all’istruzione. Tutte cose scontate e ovvie per molti, bisogni e necessità impossibili per tanti bambini e […]

  2. Come preparare la valigia per il parto - Tutto per mamme su moda, tempo libero, viaggi, servizi e molto altro - 12 giugno 2015

    […] lista dell’abbigliamento per il bambino viene fornita dall’ospedale e varia in base alla stagione. Spesso viene chiesto, come è capitato […]

Lascia una risposta

Powered by WordPress. Designed by Woo Themes